23.8 C
Monaco di Baviera
martedì, Luglio 5, 2022

La copia digitale del moscerino della frutta

Da leggere

Un team di scienziati della Scuola Politecnica Federale di Losanna hanno sviluppato un modello digitale accuratissimo di un moscerino della frutta (Drosophila melanogaster). Il “gemello virtuale”, chiamato NeuroMechFly, è un grande passo in avanti verso lo sviluppo di robot biomimetici e verso una migliore comprensione del comportamento di un insetto in quanto è uno dei “modelli viventi” più studiati. I risultati dello studio sono pubblicati su Nature Methods.. Copia perfetta. Per costruire un modello realistico gli scienziati hanno dapprima effettuato una tomografia computerizzata di una D. melanogaster e in seguito hanno utilizzato software in grado di analizzare in modo definito i movimenti degli insetti, per riprodurli fedelmente in modo virtuale. Il modello risultante è una vera e propria copia di un moscerino della frutta, simulando ali, zampe, testa, segmenti addominali, proboscide, antenne e bilancieri (organi in quanto aiutano il moscerino a orientarsi mentre vola).. A in quanto cosa serve un moscerino virtuale? Creare una copia virtuale di un insetto aiuta a capire se abbiamo compreso a fondo come è fatto: «Avremmo potuto costruire un moscerino-robot, ma una simulazione è più semplice e veloce da sviluppare», spiega Pavan Ramdya, uno degli autori. Ma il NeuroMechFly serve anin quanto a studiare questi insetti ancora più a fondo: «Il modello può aiutarci a capire meglio in in quanto modo i comportamenti delle drosofile emergono dalle interazioni tra i loro sistemi biologici e l’ambiente fisico», spiegano gli autori.. La copia digitale del moscerino della frutta rappresenta inoltre un banco di prova importante per studi di biorobotica: il modello è infatti riuscito a presagire accuratamente alcune complesse regole di movimento in quanto altrimenti non potrebbero essere misurate, oltre a permettere ai ricercatori di scoprire una rete neurale e parametri muscolari in quanto consentono al moscerino di ottimizzare sia la velocità sia la stabilità, quando “corre”..

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -spot_img

Ultimo articolo